LA NOTIZIA DELLA CHIUSURA DELL’INDAGINE DI EGOMNIA CI RICORDA CHE LA VDA NON E’ ESENTE DALLE INFILTRAZIONI DELLE ORGANIZZAZIONI CRIMINALI

Ieri è arrivata la notizia della chiusura delle indagini di “Egomnia”, indagine che dopo “Geenna” ha travolto la politica e la società valdostana. Siamo e rimaniamo garantisti, sosteniamo la presunzione di innocenza per tutti, ma questo non vuol dire che non serva una risposta da parte della politica tutta e da parte di tutta la società valdostana.
 
Stiamo vivendo uno dei momenti più duri e difficili della nostra storia recente, sono proprio in questi momenti di crisi, anche in previsione delle ingenti risorse europee che arriveranno anche nella nostra regione, che bisogna lavorare e attrezzarsi per rendere impermeabile la nostra politica alle infiltrazioni e influenze della criminalità organizzata.
 
“Non basta indignarsi solo in giornate come queste, facendo i giustizialisti con l’indagato di turno, ma serve un impegno collettivo tutti i giorni, formare una classe politica sui temi della legalità, creare strumenti che rendano più forte tutta la nostra comunità.” Afferma la segretaria regionale Sara Timpano. “Il Presidente del Consiglio regionale, Alberto Bertin, si è preso l’impegno di avviare i lavori per la costituzione dell’Osservatorio regionale contro le criminalità organizzate, che segue l’istituzione dell’osservatorio nato nel comune di Aosta la scorsa consiliatura. Conoscere le proprie debolezze è il primo passo per risolvere i problemi!”

“Non compro beni di lusso, solo assorbenti!” – Evento online nella settimana dell’8 Marzo

Per la settimana dell’8 Marzo, abbiamo deciso di parlare di un argomento che riguarda la vita quotidiana delle donne e di come la politica può migliorarla.

Negli ultimi anni si è iniziato a parlare della tampon tax – cioè l’imposta sul valore aggiunto (iva) applicata su assorbenti, tamponi e coppette.
Oggi nel nostro paese i prodotti igienici femminili, come anche i pannolini per i neonati, sono sottoposti all’aliquota ordinaria del 22%, perché non sono considerati beni di prima necessità, mentre il tartufo fresco ha l’iva al 5%.
Le campagne e le proposte per superare questa ingiustizia si stanno giustamente moltiplicando. Anche ad Aosta qualcosa si è mosso, proprio partendo da una proposta nata in Consiglio Comunale.
Della proposta del comune di Aosta per ridurre il costo dei prodotti igienico sanitari ne parliamo in un evento online, con la segretaria regionale del Pd Valle d’Aosta Sara Timpano e il presidente III commissione consiliare di Aosta Paolo Tripodi.
Appuntamento mercoledì 10 marzo h 18:00 in diretta sulla pagine Facebook del PD Valle d’Aosta.

Il cordoglio del Partito Democratico per la scomparsa di Gualtiero Dhérin.

Tutta la comunità del Partito Democratico della Valle d’Aosta vuole esprimere profondo cordoglio per la scomparsa di Gualtiero Dhérin.
Sindaco per dieci anni del comune di Champdepraz e sempre membro attivo della sua comunità. Da militante e dirigente politico, dall’impegno nel Partito Comunista, fino a quello nel Partito Democratico, ha contribuito a rendere grande la sinistra in Valle d’Aosta. Lo vogliamo ricordare con le parole del segretario del circolo di Champdepraz, Franco Contratto: una persona di grande carisma, sempre disponibile ad ascoltare le persone, a dare un buon consiglio, che ascoltava i problemi di tutti ed era sempre ben disposto ad aiutare chi si trovava in difficoltà.
Con la scomparsa di Gualtiero la Valle d’Aosta perde una figura che a lungo si è prodigata per il bene comune. Il Partito Democratico si unisce al dolore della famiglia.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 8 persone, persone in piedi e giacche

Comunicato Stampa – NO AD UNA CAMPAGNA ELETTORALE BASATA SU POLEMICHE E ATTACCHI PERSONALI, PARLIAMO DI PROGRAMMI

Parliamo di lotta alle discriminazioni, della pedonalizzazione dell’Arco o dei servizi sociali a favore delle famiglie.

Esprimiamo la nostra solidarietà a chiunque subisca attacchi personali e discriminazioni.

Siamo basiti e preoccupati di alcuni atteggiamenti che stanno inquinando la campagna elettorale del ballottaggio di Aosta.
Condividiamo la posizioni dei candidati sindaco Gianni Nuti e vice Josette Borre di condanna agli attacchi personali ricevuti anche dal loro competitor in questo ballottaggio ed esprimiamo la nostra solidarietà a chiunque subisca attacchi personali e discriminazioni.
“Accettiamo la proposta a parlare solo di programmi. La lotta contro ogni discriminazione nel nostro programma c’è! E la nostra squadra è fatta di donne e uomini che si sono battuti da sempre su questi temi”  Afferma la segretaria regionale Sara Timpano.
Lo abbiamo scritto chiaramente che vogliamo rendere non solo formale l’adesione di Aosta a RE.A.DY, la rete volta al contrasto e al superamento delle discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere. Il 20 ottobre va in aula alla Camera la legge contro l’omotransfobia e la misoginia, legge fortemente voluta dal Partito Democratico, legge che servirà alle ragazze e ai ragazzi, alle famiglie, a difendere chi subisce discriminazioni.
Forse qualcuno se l’è dimenticato, ma tra i competitor al ballottaggio, solo i candidati della coalizione Aosta 2020 Nuti e Borre hanno deciso di sottoscrivere i punti programmatici che Arcigay Valle d’Aosta aveva spedito a tutte le liste impegnate nella competizione elettorale a livello regionale e comunale, in cui chiedevano azioni efficaci e strutturali contro l’omolesbobitransfobia.
Torniamo a parlare di contenuti. Vogliamo parlare con i cittadini e le cittadine di Aosta della futura completa pedonalizzazione dell’Arco di Augusto, dell’importanza di innovare e aumentare i servizi agli anziani, di come rendere gratuiti i nidi per le bambine e i bambini, e di tanti altre proposte per il futuro della città. Questo è il lavoro che stanno facendo i nostri candidati in giro per la città e vorremmo che questi siano i temi del confronto.

Comunali Aosta 2020 – Al ballottaggio il 4 e 5 ottobre 2020

La Coalizione Aosta 2020 propone un’idea di città che permetta a ciascuno di immaginare e realizzare il proprio progetto di vita intrecciato con quello degli altri. L’energia per costruirlo nasce dagli affetti, dal desiderio di pace e di inclusione, dalla volontà di cooperare. Le comunità di persone gli spazi fisici e gli spazi sociali devono crescere armoniosamente con una costante attenzione alla bellezza, al gusto e al piacere del vivere insieme. Ogni opera significativa compiuta per la città deve essere espressione di un patto stipulato con e per i cittadini. Il Comune farà tutto quanto in suo potere per sostenere il tessuto economico e sociale provato dalla recente pandemia, fatto di famiglie, impresa, turismo, commercio e artigianato. Aosta, incastonata tra le cime più alte d’Europa, può diventare la vera Capitale delle Alpi Occidentali, regina di un paesaggio circostante unico al Mondo solo CON TE.

Clicca qui per saperne di più

Speciale Elezioni 2020

Qualche mese fa abbiamo un appello per unire le forze democratiche, progressiste, ambientaliste e di sinistra in un progetto di rigenerazione della nostra terra, che merita donne e uomini che vogliono combattere i cambiamenti climatici, dare speranza ai giovani valdostani senza lavoro, costruire una buona sanità pubblica, combattere le infiltrazioni mafiose. Fieri che da questo appello sia nato Progetto Civico Progressista.

Questo è il simbolo con cui ci presentiamo alle elezioni regionali a per il rinnovo del Consiglio comunale di Aosta

Vuoi conoscere meglio i nostri candidati?

Sapere quali saranno i prossimi eventi elettorali?

Clicca qui!


BASTA DEMAGOGIA SUL TEMA DEI MIGRANTI

Le dichiarazioni della Lega riguardo ai nuovi bandi per l’accoglienza emanati dalla Regione dimostrano, ancora una volta, un pericoloso vuoto di idee, il ricorso ad una demagogia ormai trita e una incapacità di governo di questo tema, che ha già dato frutti nefasti nei pochi mesi del 2018 in cui il governo leghista si è misurato concretamente con esso.

Gli ultimi bandi per la gestione di centri di accoglienza straordinari per richiedenti protezione internazionale sono andati deserti anche sul territorio regionale perché l’importo di 18 euro a persona, determinato dalla politica sbagliata voluta dal precedente governo nazionale, non permetteva, in alcun modo, di garantire un’accoglienza dignitosa per i migranti e attenta ai territori. Imporre l’accoglienza in strutture grandi, con molte persone ammassate e pochi operatori si è già dimostrata la via più breve per generare situazioni di marginalità e di ghettizzazione ingestibili dai territori.  Solo un’accoglienza attenta alle persone mette le basi per la sicurezza sociale ed economica ed oggi anche sanitaria. L’aggiornamento del bando regionale, avvenuto su richiesta del Ministero e che utilizza fondi statali, prende quindi atto dell’impossibilità di garantire un sistema di accoglienza adeguato senza un approccio serio, progettuale e fortemente concertato con i territori. Una cosa che in valle d’Aosta sappiamo bene anche per le positive esperienze degli SPRAR attivati nei nostri comuni negli ultimi anni.

I soccorsi in mare e gli arrivi sul territorio italiano non costituiscono un’emergenza di questi giorni, ma un fenomeno importante che va considerato nella sua complessità e che non deve essere strumentalizzato: la richiesta del Ministero di aprire nuovi bandi per l’accoglienza non può essere messa in discussione, ma va compresa nell’ottica della solidarietà fra persone e fra territori. La nostra idea di Valle d’Aosta è quella di una comunità accogliente e solidale che si assume le proprie responsabilità anche nei confronti di quelle regioni italiane che sono più direttamente investite dal fenomeno migratorio.

 

PROGETTO CIVICO PROGRESSISTA

#unideadiValledAosta

LA SFIDA PROGRESSISTA PARTE DA PONT-SAINT-MARTIN

° 59 CANDIDATI fra Regione e Comune di Aosta, più altri candidati indipendenti nelle liste civiche di vari Comuni

° 68 PUNTI del Programma di governo della Regione

° 30 PAGINE del Programma di coalizione per Aosta 

° Una idea e un progetto per la Valle d’Aosta che coinvolge la Regione, i Comuni, l’intera Comunità

Per una Valle d’Aosta, una città e comunità bene amministrate ci vogliono persone oneste, affidabili, idee precise e proposte concrete

PROGETTO CIVICO PROGRESSISTA si candida:

     –   a guidare la città di Aosta, con GIANNI NUTI Sindaco, espressione di una vasta coalizione democratica, autonomista e progressista.

  • a essere forza determinante in Consiglio regionale con un cospicuo gruppo di consiglieri
  • a realizzare programmi che si basano sui valori della solidarietà, del lavoro, dell’ecologia dell’europeismo.

PROGETTO CIVICO PROGRESSISTA si propone come guida per governare la Valle d’Aosta e come vera e credibile alternativa ai valori, ai contenuti ed ai metodi della Lega e della destra.

APPUNTAMENTO

GIOVEDI’ 20 AGOSTO ORE 20 A PONT-SAINT-MARTIN

ALL’ESPACE DE LA RENCONTRE – GIARDINI PUBBLICI

 

Per partecipare all’evento è obbligatorio indossare la mascherina

 

Il 25 Luglio Assemblea Programmatica per il Progetto Civico Progressista

Progetto Civico Progressista continua nel suo lavoro verso le elezioni regionali: Venerdì 10 luglio si è incontrato per fare il punto sulla preparazione della lista per le elezioni regionali.

Con Progetto Civico Progressista intendiamo riunire le forze valdostane del campo progressista. Nasce con il sostegno di Rete Civica, Partito Democratico, Europa Verde, Possibile, Area Democratica-Gauche Autonomiste con il contributo anche di personalità indipendenti. Uno sforzo unitario significativo in una realtà politica troppo frammentata.

Per continuare nella costruzione del progetto, oltre ad aver analizzato la situazione delle possibili candidature per la lista delle regionali, abbiamo deciso di convocare per Sabato 25 luglio alle 15,30 presso la sala BCC di Aosta un’Assemblea programmatica per esaminare la bozza di Programma elettorale, nata dall’impegno di un apposito gruppo di lavoro e dagli eventi online organizzati nel mese di giugno.

A causa  del perdurante stato di emergenza, e per garantire la sicurezza di tutti, i posti sono limitati. Potranno accedere solo coloro che si sono iscritti inviando mail a progetto.civicoprogressista@gmail.com

La Valle d’Aosta ha un disperato bisogno di buon governo. Di stabilità anzitutto, perché senza continuità amministrativa non si può costruire nulla di rilevante. E soprattutto di persone oneste e di programmi puntuali e innovativi. Per questo Progetto Civico Progressista attribuisce valore centrale al Programma che non deve essere un documento generico, un semplice adempimento burocratico da redigere all’ultimo momento per poterlo presentare in Tribunale, ma deve essere frutto di un lavoro approfondito e partecipato, toccare tutti i principali temi amministrativi e contenere il Progetto di governo della Valle d’Aosta.

L’Assemblea programmatica del 25 luglio sarà il primo appuntamento per un confronto con la partecipazione di candidati e sostenitori.