LUCA TONINO, APPELLO AL VOTO PER IL 25 SETTEMBRE

Cara elettrice e caro elettore,

come ben sai il 25 settembre 2022 si vota per il rinnovo del Parlamento. Si tratta indubbiamente di un appuntamento elettorale molto importante in cui il Paese è chiamato ad una scelta di campo. Da una parte una coalizione di centro destra che rappresenta un’idea di Paese non nostro, un Paese chiuso su se stesso, poco europeista, in cui di diritti personali saranno limitati e l’attenzione alle fasce più deboli sarà marginale, dall’altra un’idea di Paese inclusivo, per tutte e tutti, un Paese in cui le competenze verranno premiate, un Paese delle opportunità e in cui l’attenzione alla persona sarà messa al centro dell’agenda politica.

Anche in Valle d’Aosta in questo appuntamento elettorale siamo chiamati a fare una scelta di campo. Possiamo immaginare che a prescindere dal risultato del voto non cambierà nulla ma invece non è così. Se vogliamo sostenere la vera Valle d’Aosta, la vera autonomia, il vero progressismo valdostano dobbiamo sostenere la coalizione Vallée d’Aoste e le candidature di Franco Manes alla Camera e Patrik Vesan al Senato.

Il Partito Democratico ha convintamente sostenuto fin da subito l’idea di immaginare un fronte ampio e largo, che si ponesse l’obiettivo di governare questo paese e partecipa dunque convintamente ad una coalizione autonomista e progressista che ha fatto una scelta precisa. Non sostenere un ipotetico Governo Meloni visto che i partiti che hanno dato vita alla coalizione Vallée d’Aoste fondano le proprie radici storico-ideologiche sui valori espressi dalla Resistenza, dall’Antifascismo e hanno una visione del mondo aperta, europeista, solidale, basata sul rispetto delle diversità.

La coalizione Vallée d’Aoste rappresenta quindi l’autentica Valle d’Aosta, non come alcune coalizioni improvvisate, o candidature e coalizioni fatte di ex e di nostalgici.

Proviamo dunque tutti a guardare al futuro di questa regione. Proviamo ad immaginare una Valle d’Aosta con forti radici locali ma che guarda con fascino ad un’idea di stato rinnovato e all’Europa come un’opportunità. Sono sicuro che questa idea di futuro appartiene a tutti noi.

E allora immaginiamo uno sforzo comune, uno sforzo che va fatto fino all’ultimo minuto per sostenere i candidati Franco Manes alla Camera e Patrik Vesan al Senato. Lo dobbiamo al Paese, lo dobbiamo alla storia della nostra regione. Non è tempo di un salto nel buio o di voti di pancia. La responsabilità di questa regione e di un centro sinistra maturo e responsabile si misura domenica 25 di settembre.

Il voto utile questa volta è quello al PD, è quello alla coalizione Vallée d’Aoste.

POLITICHE 2022 FRANCO MANES E PATRIK VESAN

Franco Manes, Patrik Vesan

Franco Manes, candidato Camera dei Deputati

Franco Manes, nato ad Aosta il 21 giugno 1963, vive a Doues insieme alla sua famiglia.
Dopo il diploma di scuola media superiore da geometra, nel 1982 Franco si iscrive alla facoltà di architettura a Torino dove consegue la laurea e l’abilitazione alla professione di architetto. Lo Studio professionale di Franco Manes svolge l’attività dalla fine degli anni ’80 e opera principalmente nell’ambito di commesse pubbliche per gli enti locali, territoriali e Amministrazione Regionale.
È stato nominato membro dell’Osservatorio regionale sulla L.R. 11/98 (legge urbanistica) dall’Ordine degli Architetti della Valle d’Aosta, Amministratore comunale con funzione di Assessore al Comune di Doues, Presidente del Direttivo dell’Azienda di Promozione Turistica del Gran San Bernardo (APT) e Presidente del Consorzio di promozione turistica della Valpelline (Vda). È noto soprattutto per aver ricoperto il ruolo di membro del CdA del Consorzio degli Enti Locali della Valle d’Aosta (CELVA) e del Consiglio Permanente degli Enti Locali della Valle d’Aosta (CPEL). In questo ambito ha operato rendendo il CELVA una organizzazione collaborativa e solidale utilizzando al meglio le sue competenze, la sua empatia e le sue doti di mediatore.
Attualmente è Sindaco del Comune di Doues, Vice Capo gruppo Alpini Doues (ANA Sezione Valdostana), membro del Consiglio di Amministrazione dell’Università della Valle d’Aosta, membro in quanto rappresentante degli Enti Locali della Valle d’Aosta del Comitato sicurezza regionale COSP, dell’Unità di crisi per l’emergenza Covid 19 e per le emergenze profughi e del gruppo di lavoro per la redazione dei protocolli di sicurezza durante l’emergenza Covid. Infine, è membro della Consulta piccoli Comuni e della Commissione montagna dell’ANCI Nazionale. Nello svolgimento serio e professionale di tutti questi incarichi, Franco ha deciso di candidarsi alla Camera dei deputati con la coalizione “Vallée d’Aoste”.

Patrik Vesan, Candidato al Senato della Repubblica

Patrik Vesan, nato ad Aosta il 24 luglio 1976, vive a Saint-Christophe con la compagna Morena e i suoi due bambini. Brillante studente, Patrik ottiene delle borse di studio grazie alle quali ha potuto studiare a Pavia, dove ha conseguito la laurea in Scienze politiche nel 2001 e il Dottorato di ricerca nel 2005. Ha poi completato un Master a Parigi in “European Studies (Cycle supérieur d’études éuropéennes), Institut d’Ecole Politiques“.
Attualmente svolge la professione di Professore Associato presso il Dipartimento di Scienze economiche e politiche dell’Università della Valle d’Aosta – Université de la Vallée d’Aoste, presso la Scuola Universitaria Superiore Sant’Anna di Pisa e l’Università di Torino (Master in Analisi delle politiche pubbliche). Si interessa particolarmente di analisi delle politiche pubbliche, con un’attenzione specifica ai temi del lavoro, delle politiche sociali, dello sviluppo locale e della governance europea. È co-direttore della rivista Politiche sociali/Social policy edita da Il Mulino e membro del Collegio Docenti della Graduate School dell’Università di Milano. È consigliere nazionale di ASSIFERO (Associazione italiana delle Fondazioni e degli enti della filantropia istituzionale) e membro del Consiglio di amministrazione e del Comitato esecutivo della Fondazione Comunitaria della Valle d’Aosta nonché Membro del collegio dottorale della “Graduate School” -PhD in Political Studies presso l’Università Statale di Milano. Attualmente si occupa anche, in qualità di Project manager, della realizzazione di iniziative di interesse generale per il Terzo settore realizzate sul territorio della Valle d’Aosta. Nella veste di esperto e consulente ha curato numerosi progetti di formazione professionale, d’inclusione, di contrasto alla povertà, di politiche del lavoro riguardanti la Valle d’Aosta e anche altre regioni italiane. Nello svolgimento serio e professionale di tutti questi incarichi, Patrik ha deciso di candidarsi al Senato della Repubblica con la coalizione “Vallée d’Aoste”.

Scarica il programma della coalizione Vallée d’Aoste sul sito www.vesan-manes.it

LA SEGRETERIA, COMPONENTI E ATTIVITA’

Dopo il congresso dello scorso 7 dicembre 2021, il Segretario Luca Tonino ha costituito la nuova Segreteria del partito democratico della Valle d’Aosta.
Tra i componenti alcuni nomi sono noti a molti di voi, che militano nel Partito da tanti anni, come Fulvio Centoz, Eloise Della Schiava, Clotilde Forcellati, Biagio Fresi, Michele Monteleone, Chiara Orlandi, Giuseppe Rollandin e la segretaria dei Giovani Democratici Sofia Colombini. Tra i nuovi iscritti, sono presenti in Segreteria due consiglieri comunali di Aosta: Cecilia Lazzarotto e Paolo Tripodi. Un rientro attivo nella vita di Partito per Carmine Sciulli e Luca Vernetti. Una squadra che si completa con la presenza degli eletti in Consiglio Regionale: Paolo Cretier, Jean-Pierre Guichardaz e Antonino Malacrinò.
I primi mesi sono stati impegnativi, data la crisi regionale che ha tenuto la maggioranza sul filo del rasoio per molto tempo. Il PD VdA, insieme ad Alberto Bertin e Andrea Padovani, ha cercato di essere sempre propositivo e mai distruttivo per salvaguardare la maggioranza e con lei le decisioni di un governo regionale autonomista e progressista, evitando di avere un governo populista e di destra. Il Partito ha continuato ad essere propositivo portando avanti le candidature di Franco Manes alla Camera dei Deputati e Patrik Vesan al Senato della Repubblica.
Tra le altre attività della Segreteria ci sono le nuove iniziative legate alla comunicazione, in particolare l’avvio della newsletter che consentirà di ricevere aggiornamenti dal Partito e dai consigli regionali e comunali in cui siamo presenti. Inoltre, vi anticipiamo che verrà data nuova vita al sito internet, che sarà rinnovato e di più facile fruizione. Un gruppo di lavoro si sta dedicando all’organizzazione di un evento formativo legato al tema della montagna.
Per il futuro, oltre agli impegni politici, abbiamo deciso di riproporre, come in passato, eventi conviviali che possano riunire gli iscritti in occasioni informali per consentire una maggiore conoscenza tra chi nel Partito è presente da tanti anni e chi invece ha deciso di iscriversi recentemente.

Infine, grazie al circolo di Champdepraz siamo riusciti a far rinascere la Festa dell’unità in Valle d’Aosta.

CAMPAGNA TESSERAMENTO 2022

Ѐ iniziata la campagna di tesseramento per il 2022. Anche gli iscritti e le iscritte della Valle d’Aosta sono chiamati/e a rinnovare la tessera.
Le iscrizioni saranno agevolate dalla procedura online, basterà infatti compilare il form presente a questo link: https://tesseramento.partitodemocratico.it/ per procedere al pagamento tramite carta di credito o bonifico bancario.

Consapevoli delle difficoltà che potrebbero emergere, il PD Valle d’Aosta darà supporto tecnico per il tesseramento. Dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 12.30, nella nostra sede di Corso Battaglione, 13 di Aosta,  troverete sempre persone pronte ad aiutarvi. Ci stiamo organizzando per aprire le porte anche nel pomeriggio.

Inoltre, vi comunichiamo che abbiamo da poco ritinteggiato le pareti e riarredato i locali, la casa dei/lle democratici/he valdostani/e è ancora più accogliente.

Il PD è davvero casa tua!

LA NOTIZIA DELLA CHIUSURA DELL’INDAGINE DI EGOMNIA CI RICORDA CHE LA VDA NON E’ ESENTE DALLE INFILTRAZIONI DELLE ORGANIZZAZIONI CRIMINALI

Ieri è arrivata la notizia della chiusura delle indagini di “Egomnia”, indagine che dopo “Geenna” ha travolto la politica e la società valdostana. Siamo e rimaniamo garantisti, sosteniamo la presunzione di innocenza per tutti, ma questo non vuol dire che non serva una risposta da parte della politica tutta e da parte di tutta la società valdostana.
 
Stiamo vivendo uno dei momenti più duri e difficili della nostra storia recente, sono proprio in questi momenti di crisi, anche in previsione delle ingenti risorse europee che arriveranno anche nella nostra regione, che bisogna lavorare e attrezzarsi per rendere impermeabile la nostra politica alle infiltrazioni e influenze della criminalità organizzata.
 
“Non basta indignarsi solo in giornate come queste, facendo i giustizialisti con l’indagato di turno, ma serve un impegno collettivo tutti i giorni, formare una classe politica sui temi della legalità, creare strumenti che rendano più forte tutta la nostra comunità.” Afferma la segretaria regionale Sara Timpano. “Il Presidente del Consiglio regionale, Alberto Bertin, si è preso l’impegno di avviare i lavori per la costituzione dell’Osservatorio regionale contro le criminalità organizzate, che segue l’istituzione dell’osservatorio nato nel comune di Aosta la scorsa consiliatura. Conoscere le proprie debolezze è il primo passo per risolvere i problemi!”

“Non compro beni di lusso, solo assorbenti!” – Evento online nella settimana dell’8 Marzo

Per la settimana dell’8 Marzo, abbiamo deciso di parlare di un argomento che riguarda la vita quotidiana delle donne e di come la politica può migliorarla.

Negli ultimi anni si è iniziato a parlare della tampon tax – cioè l’imposta sul valore aggiunto (iva) applicata su assorbenti, tamponi e coppette.
Oggi nel nostro paese i prodotti igienici femminili, come anche i pannolini per i neonati, sono sottoposti all’aliquota ordinaria del 22%, perché non sono considerati beni di prima necessità, mentre il tartufo fresco ha l’iva al 5%.
Le campagne e le proposte per superare questa ingiustizia si stanno giustamente moltiplicando. Anche ad Aosta qualcosa si è mosso, proprio partendo da una proposta nata in Consiglio Comunale.
Della proposta del comune di Aosta per ridurre il costo dei prodotti igienico sanitari ne parliamo in un evento online, con la segretaria regionale del Pd Valle d’Aosta Sara Timpano e il presidente III commissione consiliare di Aosta Paolo Tripodi.
Appuntamento mercoledì 10 marzo h 18:00 in diretta sulla pagine Facebook del PD Valle d’Aosta.

Il cordoglio del Partito Democratico per la scomparsa di Gualtiero Dhérin.

Tutta la comunità del Partito Democratico della Valle d’Aosta vuole esprimere profondo cordoglio per la scomparsa di Gualtiero Dhérin.
Sindaco per dieci anni del comune di Champdepraz e sempre membro attivo della sua comunità. Da militante e dirigente politico, dall’impegno nel Partito Comunista, fino a quello nel Partito Democratico, ha contribuito a rendere grande la sinistra in Valle d’Aosta. Lo vogliamo ricordare con le parole del segretario del circolo di Champdepraz, Franco Contratto: una persona di grande carisma, sempre disponibile ad ascoltare le persone, a dare un buon consiglio, che ascoltava i problemi di tutti ed era sempre ben disposto ad aiutare chi si trovava in difficoltà.
Con la scomparsa di Gualtiero la Valle d’Aosta perde una figura che a lungo si è prodigata per il bene comune. Il Partito Democratico si unisce al dolore della famiglia.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 8 persone, persone in piedi e giacche

Comunicato Stampa – NO AD UNA CAMPAGNA ELETTORALE BASATA SU POLEMICHE E ATTACCHI PERSONALI, PARLIAMO DI PROGRAMMI

Parliamo di lotta alle discriminazioni, della pedonalizzazione dell’Arco o dei servizi sociali a favore delle famiglie.

Esprimiamo la nostra solidarietà a chiunque subisca attacchi personali e discriminazioni.

Siamo basiti e preoccupati di alcuni atteggiamenti che stanno inquinando la campagna elettorale del ballottaggio di Aosta.
Condividiamo la posizioni dei candidati sindaco Gianni Nuti e vice Josette Borre di condanna agli attacchi personali ricevuti anche dal loro competitor in questo ballottaggio ed esprimiamo la nostra solidarietà a chiunque subisca attacchi personali e discriminazioni.
“Accettiamo la proposta a parlare solo di programmi. La lotta contro ogni discriminazione nel nostro programma c’è! E la nostra squadra è fatta di donne e uomini che si sono battuti da sempre su questi temi”  Afferma la segretaria regionale Sara Timpano.
Lo abbiamo scritto chiaramente che vogliamo rendere non solo formale l’adesione di Aosta a RE.A.DY, la rete volta al contrasto e al superamento delle discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere. Il 20 ottobre va in aula alla Camera la legge contro l’omotransfobia e la misoginia, legge fortemente voluta dal Partito Democratico, legge che servirà alle ragazze e ai ragazzi, alle famiglie, a difendere chi subisce discriminazioni.
Forse qualcuno se l’è dimenticato, ma tra i competitor al ballottaggio, solo i candidati della coalizione Aosta 2020 Nuti e Borre hanno deciso di sottoscrivere i punti programmatici che Arcigay Valle d’Aosta aveva spedito a tutte le liste impegnate nella competizione elettorale a livello regionale e comunale, in cui chiedevano azioni efficaci e strutturali contro l’omolesbobitransfobia.
Torniamo a parlare di contenuti. Vogliamo parlare con i cittadini e le cittadine di Aosta della futura completa pedonalizzazione dell’Arco di Augusto, dell’importanza di innovare e aumentare i servizi agli anziani, di come rendere gratuiti i nidi per le bambine e i bambini, e di tanti altre proposte per il futuro della città. Questo è il lavoro che stanno facendo i nostri candidati in giro per la città e vorremmo che questi siano i temi del confronto.

Comunali Aosta 2020 – Al ballottaggio il 4 e 5 ottobre 2020

La Coalizione Aosta 2020 propone un’idea di città che permetta a ciascuno di immaginare e realizzare il proprio progetto di vita intrecciato con quello degli altri. L’energia per costruirlo nasce dagli affetti, dal desiderio di pace e di inclusione, dalla volontà di cooperare. Le comunità di persone gli spazi fisici e gli spazi sociali devono crescere armoniosamente con una costante attenzione alla bellezza, al gusto e al piacere del vivere insieme. Ogni opera significativa compiuta per la città deve essere espressione di un patto stipulato con e per i cittadini. Il Comune farà tutto quanto in suo potere per sostenere il tessuto economico e sociale provato dalla recente pandemia, fatto di famiglie, impresa, turismo, commercio e artigianato. Aosta, incastonata tra le cime più alte d’Europa, può diventare la vera Capitale delle Alpi Occidentali, regina di un paesaggio circostante unico al Mondo solo CON TE.

Clicca qui per saperne di più