Giorgio Gori, Sindaco di Bergamo, ad Aosta

Giorgio Gori all’incontro organizzato dai circoli del PD di Aosta

Doppio appuntamento aostano lo scorso 10 aprile per il Sindaco di Bergamo Giorgio Gori.

Il primo appuntamento è stato organizzato dal Comune di Aosta e Confindustria, un dialogo con il Sindaco di Aosta Gianni Nuti sul tema della cultura. Bergamo (assieme a Brescia) è stata Capitale Italiane della Cultura nel 2023. Aosta è stata finalista nella selezione per il medesimo titolo per l’anno 2025. Un confronto molto interessante sulla scia dell’esperienza di Bergamo in cui la città ha subito un cambiamento importante investendo in cultura. Lo ha fatto coinvolgendo tutto il territorio che sta intorno alla città e dialogando con gli operatori sociali, culturali ed economici che hanno avuto un ruolo estremamente importante nel successo di questa avventura. L’idea della condivisione, oltre che con Brescia, anche con tutto il territorio. Ricreare un collegamento con le valli e con le aree più rurali, facendo diventare nuovamente la città la capitale di un territorio. E ancora la condivisione del progetto con chi opera in quel territorio. Zona di grandi imprese che hanno un radicamento con il territorio quasi simbiotico e l’idea centrale che la cultura crei innovazione. La stessa idea che sta promuovendo Aosta, che grazie alla candidatura ha saputo creare una rete importante di rapporti e ha potuto accedere a finanziamenti statali, oltre ad aver investito importanti risorse proprie nel corso degli ultimi anni.
La sera, invece, un aperitivo festoso, organizzato dai circoli del PD di Aosta, per discutere di prospettiva europea visto che il sindaco Gori sarà candidato alla prossima tornata della elezioni europee dell’8 e 9 giugno prossimi. Con lui il candidato valdostano Fulvio Centoz. Sul piatto questa volta un’idea completamente diversa del ruolo e dell’identità dell’Europa. Da una parte l’idea della destra con i cattivi maestri come Orban, dall’altra l’idea dei progressisti per un’Europa solidale, aperta e inclusiva. Mai come questa volta le elezioni europee saranno determinanti. Ma di questo tema avremo modo di parlarne molto diffusamente in altre occasioni.

Giovani Democratici: Lucrezia Borrelli è la nuova vicesegretaria

Care democratiche, cari democratici,

il 25 marzo sono stata ufficialmente nominata vicesegretaria dei Giovani Democratici e per me non ci poteva essere occasione più proficua per poter avere un confronto con politici di grande esperienza e per poter mettere alla prova quanto imparato negli ultimi anni. Malgrado i miei soli diciott’anni, la scelta di accettare un incarico di questo genere, al quale cercherò di dedicarmi al massimo delle mie possibilità, è dettata dalla volontà di portare all’interno del panorama politico valdostano il mio contributo di giovane, affezionata al proprio territorio e determinata a fare la differenza. In una nazione sempre più proiettata verso l’avvenire, tutti gruppi politici giovanili, a prescindere dalle differenti ideologie, sono portavoce della futura classe dirigente e convogliano i loro sforzi per costruire quella che sarà l’Italia del domani, un’Italia che guarda alla modernità, pur conservando la sua identità peculiare. In quanto nuova vicesegretaria dei GD, io e il mio gruppo abbiamo sempre prestato particolare attenzione alle lotte contro la crisi climatica, la quale minaccia di mettere a rischio il rigoglioso ecosistema per cui la nostra regione è nota, e contro cui speriamo di poter combattere, nella speranza di poter preservare per le generazioni future le bellezze naturali del nostro territorio. Un’altra tematica per la quale siamo determinati a dare il nostro contributo è quella della salute mentale, di particolare rilevanza tra i giovani e a cui purtroppo non viene ancora data la giusta importanza. Allarmanti sono infatti i numeri delle persone che hanno manifestato disagi psicologici, specialmente tra le nuove generazioni, a cui purtroppo non si è prestata la giusta attenzione, categorizzandoli spesso come problemi secondari.

Lettera del Segretario: uno sguardo al futuro dell’Europa

Ho come la sensazione che le prossime elezioni europee, che naturalmente nel dibattito italiano sono molto poco europee e molto locali, saranno importanti più di quelle passate. Non per una maggiore consapevolezza sul tema, ma per il non banale problema che abbiamo alle porte dell’Europa una guerra. L’auspicio che resti alle porte è la speranza di tutti, ma gli ultimi giorni non ci tranquillizzano per nulla da questo punto di vista. Invasioni dello spazio aereo tra Paesi vicini, ci fanno dire che la tensione sia sensibilmente salita.

Gli economisti ci spiegano, inoltre, che stiamo già vivendo un’economia di guerra perché non è necessario essere invasi. Gli effetti devastanti di una guerra, quali che siano, non si fermano al confine geografico. E allora è indispensabile e irrimandabile immaginare una politica estera europea più coordinata e immaginare un sistema di difesa unico, pensando che a oggi non esiste nemmeno un commissario europeo alla difesa.
Non si tratta di una promozione di un “nuovo esercito”, di immaginare una nuova stagione bellica europea dopo i disastri della prima parte del secolo scorso, ma di promuovere un ragionamento comune che non può essere procrastinato, anche per diventare più credibili sui tavoli diplomatici e per consentire preoccupanti fughe in avanti tipo quella francese.
E’ credibile nel mondo un’Europa che vede il presidente Macron dirsi pronto ad inviare delle truppe in territorio ucraino e vedere i leaders degli altri Paesi negare prontamente tale possibilità per evitare un allargamento della guerra?
Lascio a voi la risposta, ma intanto più Europa e meno egoismi e sovranismi è l’unica soluzione. E lo è, sia chiaro, non solo sul tema della difesa. Allora vuoi vedere che anche questa volta la destra e i progressisti non sono uguali? Per cui tocca a noi sperare e promuovere una nuova Europa. Le elezioni europee di giugno faranno la differenza.

Comunicato Stampa gruppo regionale FP-PD

Riportiamo di seguito il CS del gruppo regionale FP-PD.

La prima tappa verso il comparto autonomo “Sicurezza Soccorso valdostano” è stata compiuta nella seduta del Consiglio Regionale del 20 marzo con l’approvazione con 26 voti a favore del disegno di legge riguardante il Corpo valdostano dei Vigili del Fuoco e il Corpo forestale della Valle d’Aosta.
Il gruppo Federalisti Progressiti – Partito Democratico è soddisfatto del risultato, frutto di un lungo percorso che ha visto il Governo regionale impegnato nel confronto con le organizzazioni sindacali e tutte le strutture e i soggetti interessati, rispondendo alla nota protesta dei Vigili del Fuoco. La
buona riuscita del disegno di legge rappresenta un adempimento di un punto fondamentale del programma di legislatura che prevedeva la risoluzione delle problematiche relative agli allineamenti contrattuali in merito agli aspetti previdenziali, lo stato giuridico e il trattamento economico dei due Corpi valdostani.
L’obiettivo dell’attuale legge mira a creare un nuovo comparto denominato “Sicurezza e Soccorso Valle d’Aosta”. Antonino Malacrinò, presidente della II Commissione “Affari generali” e relatore in aula della riforma, ha sottolineato come il ddl sia fondato sulle peculiarità e sull’importanza delle funzioni svolte da vigili del Fuoco e dal Corpo Forestale, ricordando che “è essenziale adeguare l’ordinamento del personale alle tradizionali missioni istituzionali di soccorso pubblico, prevenzione degli incendi e protezione civile e nello stesso tempo rafforzare la funzione di sicurezza civile che entrambe le forze svolgono nel sistema di sicurezza della Regione con lo scopo di garantire l’incolumità delle persone e la tutela dei beni e dell’ambiente”.

Giornata Nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

Celebrata il 21 marzo la Giornata Nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, promossa dallo Stato italiano nel 2017 e voluta dall’associazione Libera già dal 1995. Un momento per fermarsi a guardare il contesto, e in cui rinnovare “la battaglia contro le mafie, l’impegno per liberare le persone dalla ricattabilità che è lo spazio dove le mafie si
insinuano”, ha sottolineato Elly Schlein durante la manifestazione collettiva a Roma. La segretaria ha ribadito i punti cardine su cui centrare l’attenzione: il salario minimo, l’emancipazione delle donne sul lavoro e il contrasto al “subappalto a cascata”.
“Non è un caso che questa giornata sia stata fissata il primo giorno di primavera”, ricorda il presidente del Consiglio Alberto Bertin in aula durante l’assemblea del 20 marzo. “E’ un giorno di rinascita e la lotta deve necessariamente passare attraverso il ricordo delle persone cadute per
mano della mafia”.
In Valle d’Aosta, secondo i dati dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata e riportati in “Raccontiamo il bene” pubblicato il 7 marzo da Libera Valle d’Aosta, sono 10 i beni immobili in gestione (non ancora trasferiti ad altre amministrazioni o agli enti locali e che ancora fanno capo all’Agenzia nazionale), 30 i beni confiscati e destinati e 2 le aziende in gestione.
Nel nostro territorio opera, grazie alla legge regionale del 2 febbraio 2022, l’Osservatorio regionale permanente sulla legalità e sulla criminalità organizzata di tipo mafioso. Negli scorsi mesi si è concentrato in modo particolare sul ruolo degli enti locali come argini ai fenomeni corruttivi e di
infiltrazione mafiosa. Ha realizzato per questo una serie di incontri formativi rivolti in modo particolare ai dipendenti e agli amministratori locali, proseguendo il dibattito aperto già nel 2021 dalla Presidenza del Consiglio, attenta a sviluppare una riflessione pubblica in materia di criminalità mafiosa.
Intervenuto in aula anche il Consigliere Andrea Padovani: “E’ un momento solenne e significativo. Richiama e rinnova il nostro impegno nella lotta. Le mafie sono una piaga sociale che incancrenisce le società in cui si infiltrano. E’ nostro dovere come istituzione e come comunità contrastarne il potere, preservando i valori di giustizia, solidarietà e legalità”.

Scuola valdostana: esempio virtuoso di inclusione

Sorprende la proposta del ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, rispetto alle classi separate di potenziamento per alunni stranieri in caso di deficit linguistici ed eventualmente matematici. La proposta di Valditara è ideologica, inaccettabile e inapplicabile.
Non crediamo nelle classi di serie A e di serie B. Separare gli studenti stranieri dai coetanei italiani non può e non deve essere la via percorribile. La scuola è inclusiva, accessibile e plurale, valorizza le differenze e non le penalizza.
Per favorire una didattica universale e all’interno di essa percorsi multipli e individualizzati, il primo strumento disponibile è diminuire il numero di alunni per classi. La scuola valdostana è in questo senso un esempio virtuoso: nell’anno scolastico ’22-’23 conta una media di 18 studenti nelle secondarie di secondo grado, 19 nelle secondarie di primo grado e circa 15 alla primaria. Numeri molto differenti da quelli a cui è abituata la scuola italiana che vede anche più di 30 studenti nella stessa stanza.
All’interno delle nostre istituzioni, poi, lavorano mediatori linguistici e culturali per facilitare l’inserimento degli stranieri, assistere gli insegnanti e le famiglie. Senza contare che i docenti, che già da anni lavorano per competenze, individuano obiettivi specifici di apprendimento in caso di bisogni educativi, quali ad esempio la difficoltà di lingua.
Il grande sforzo per tenere aperte le piccole scuole di montagna è un ulteriore elemento che garantisce un’attenzione specifica su ciascuno studente e su ciascuna studentessa, così che possano essere offerti strumenti didattici sempre più idonei al singolo.
La scuola valdostana, strutturata sul bilinguismo, facilita e favorisce l’apprendimento delle lingue, il confronto tra esse e la capacità di superare gap linguistici, dati questi testimoniati dai risultati delle prove INVALSI di ogni ordine e grado, in cui le classi valdostane hanno ottimi piazzamenti sia in
italiano sia in inglese.
Fondamentali sono i percorsi che consentono agli alunni e alle alunne di approfondire alcuni argomenti con i docenti. I corsi pomeridiani organizzati per colmare alcune lacune nelle differenti materie esistono da tempo e portano i propri frutti. Ben diverse però le classi differenziate che rischiano di ghettizzare gli stranieri e gli studenti e le studentesse in maggiore difficoltà.

Comunicato Stampa: elezioni europee 2024, una candidatura aperta per la Valle d’Aosta

europee 2024Nella serata di lunedì 25 marzo si è riunita, presso la sede in Corso Battaglione 13 C, la Direzione del Partito Democratico della Valle d’Aosta con, all’ordine del giorno, le elezioni europee 2024.
Il segretario Luca Tonino ha relazionato in merito al mandato ricevuto  evidenziando che le interlocuzioni con i partiti e/o movimenti della maggioranza regionale non hanno portato, ad oggi, ad alcuna concretezza in merito alla possibilità di un’ipotesi di ampio fronte che riunisca gli autonomisti
e i progressisti. Tale ipotesi, infatti, rappresenterebbe la soluzione più naturale per dare ulteriore corso all’alleanza che governa la città di Aosta, che governa la Regione e che ha partecipato alle ultime elezioni politiche eleggendo il deputato Franco Manes e mancando per pochissimo l’elezione del candidato Patrick Vesan al Senato.
Nell’ottica di una continuità nell’azione politica, le prossime elezioni di giugno rappresentano un’occasione importante per parlare di temi fondamentali sul futuro dell’Europa, sulla montagna e sulle problematiche comuni alle popolazioni alpine. Temi come i cambiamenti climatici e l’aumento
della temperatura sulle nostre montagne, la necessità di preservare e potenziare i servizi essenziali (istruzione, sanità e trasporti) sui territori montani, i valichi alpini ed i collegamenti con il resto dell’Europa che oggi evidenziano pesanti criticità (non solo il Tunnel del Monte Bianco, ma anche le
interruzioni sul Frejus e sul Gottardo) che incidono sulla mobilità  internazionale, la salvaguardia della peculiarità dell’agricoltura di montagna, la tutela dell’acqua ed il suo corretto utilizzo tra consumo umano e sfruttamento idroelettrico, rappresentano temi che possono unire i valdostani in una battaglia comune per la tutela di un sistema fragile come la montagna.
Dopo ampia discussione, alla luce di quanto emerso dal dibattito, il segretario Luca Tonino ha proposto di candidare l’ex sindaco di Aosta nella lista del PD nella circoscrizione del nord ovest. Una candidatura aperta, una candidatura a disposizione della Valle d’Aosta e non contro qualcuno. Il tutto lasciando aperta la possibilità di un’intesa con i movimenti autonomisti per l’apparentamento di un listino rappresentativo delle minoranze linguistiche a fronte di un accordo politico più ampio che guardi anche alle prossime elezioni regionali e comunali del 2025.
La Direzione, all’unanimità, ha approvato la proposta.

Roberta Mori, eletta portavoce nazionale delle Donne Democratiche

Sabato 9 marzo, a Roma, è stata eletta la nuova Portavoce nazionale delle Donna Democratiche, Roberta Mori.
Anche la Delegata della Valle d’Aosta Clotilde Forcellati era presente all’evento con l’emozione e la consapevolezza di iniziare insieme a tante donne un nuovo cammino politico.
Roberta Mori, con il suo percorso di impegno politico nelle Istituzioni ad ogni livello, civile e professionale ha dato voce non solo alle 14mila iscritte alla Conferenza, pronte a dare il loro contributo per ricostruire un rapporto autentico e di fiducia tra la politica e le persone, ma anche e soprattutto a tutte quelle ragazze e a tutte quelle donne che vogliono, essere, con i loro sogni e le
quotidiane difficoltà, al centro delle scelte politiche di un Paese, che, se continua a lasciarle indietro ed a farle sentire sole, non ha alcuna speranza di sviluppo e di futuro: occorre, invece, che nessuna resti indietro e tutte siano libere di scegliere.
“Siamo e saremo un partito femminista – ha sottolineato dal palco la nuova Portavoce, aggiungendo che le donne democratiche sono pronte a fare la loro parte, a fare la differenza, a dare un contributo per cambiare il partito e il Paese”.
La leadership femminista assunta da Schlein rappresenta una possibilità di profonda trasformazione, ma da sola non ce la fa, ha bisogno di noi.
Mori ha annunciato la prima sfida che le donne Pd propongono: una
conferenza internazionale delle donne per la pace.
La Mori nel suo discorso di insediamento ha affermato che il primo diritto per cui bisogna combattere è il diritto alla pace, “cessate il fuoco a Gaza, questo è il tempo in cui la politica deve ritrovare la pace, la pace va praticata”.

L’iniziativa dal titolo “Avanti tutte!” ha coinvolto donne di ogni età, iscritte e non al Partito Democratico intenzionate a costruire insieme uno spazio a loro dedicato, in cui potersi confrontare e dove poter elaborare proposte e soluzioni per porre rimedio alle differenze di genere.
Erano presenti sul palco, insieme a Roberta Mori, la segreteria del Partito Democratico Elly Schlein, Barbara Pollastrini e Marta Bonafoni, che hanno accolto le 200 delegate provenienti da tutta Italia.
Al dibattito ha preso parola la segretaria nazionale del Partito democratico, Elly Schlein: “Sappiamo bene e Meloni lo dimostra ogni giorno che c’è una bella
differenza tra una leader femminile e una leadership femminista” – ha sottolineato -“Non ci serve a niente una leader donna che non si batte per aiutare le altre donne e per difenderne i diritti a partire da quelli a scegliere per il proprio corpo”.
La leader dem ha rilanciato poi la proposta di fissare una percentuale obbligatoria di medici non obiettori negli ospedali di tutta Italia così da garantire il rispetto della 194 e il diritto ad abortire da parte delle donne che lo desiderano.  E ancora: “L’elezione per la prima volta di una segretaria nazionale donna non sana le ferite e non risolve i problemi sui territori. È soltanto insieme che cambieremo il metodo e trasformeremo questo in un partito davvero femminista. La strada da fare è ancora lunga. Vi chiedo aiuto per cambiare le
pratiche anche sui territori”.
Il nostro tempo è adesso, dobbiamo lavorare ora per perseguire questi obiettivi. Dobbiamo utilizzare un linguaggio inclusivo. Dobbiamo difendere la sanità pubblica. Questo deve essere il luogo di tutte, nessuna esclusa!

Conferenza Donne Democratiche, eletta la delegata valdostana

Prosegue il percorso dell’Assemblea regionale Donne democratiche verso la costituzione della Conferenza regionale. 

Lunedì 4 marzo trentuno donne iscritte negli scorsi giorni alla piattaforma nazionale si sono date appuntamento presso la sede del Partito Democratico per eleggere la delegata che rappresenterà alla Conferenza nazionale la nostra regione. Le votanti hanno designato Clotilde Forcellati, impegnata già sabato 9 marzo a Roma per l’elezione della portavoce nazionale. Sono oltre 14.000 le adesioni in tutta Italia, rappresentate per il 45% da donne non iscritte al partito, percentuale rispettata anche nella nostra regione. 

Nell’incontro di lunedì, presenti in teleconferenza la deputata Chiara Gribaudo, vicepresidente del Partito Democratico, e Roberta Mori, candidata unitaria al ruolo di portavoce. Mori ha consegnato alcune parole chiave alle presenti: “pace”, letta come modo di affrontare le relazioni e le controversie, è il tema che deve trovare spazio nella prossima campagna elettorale per le elezioni del Parlamento europeo; “welfare” per cui l’invito è per tutte le donne a trovare delle soluzioni che valorizzino l’impegno di cura affinché la presa in carico di minori e anziani non mini le potenzialità femminili ma  sia un elemento di rigenerazione culturale; “comunità”, vista come luogo del protagonismo femminile per il cambiamento della società. “Se il raggiungimento della parità di genere è previsto per il 2154, noi dobbiamo accelerare i processi. Siamo qui per questo, siamo acceleratori di femminismo”, insiste Mori. 

Le prossime tappe dell’Assemblea delle Donne democratiche in Valle d’Aosta saranno la stesura del regolamento della Conferenza e l’elezione della portavoce regionale. 

Abbiamo fatto il primo passo di un lungo e, spero, proficuo cammino per giungere in tempi brevi alla costituzione della I Conferenza regionale delle Donne democratiche della Valle d’Aosta” dichiara Forcellati e prosegue: “L’Assemblea e la prossima Conferenza regionale saranno gruppi di dialogo tra tutte le iscritte e il fatto che già oggi circa il 50% del gruppo è composto da non iscritte al PD ci fa ben sperare per un allargamento del confronto su temi che ci stanno a cuore. Sono felice di essere stata votata come delegata regionale alla Conferenza nazionale. Avrò il compito di partecipare alle riunioni, condividendo con la prossima Portavoce e con le iscritte i temi nazionali proponendone la discussione e la declinazione a livello regionale. Sarà importante essere unite e pragmatiche in modo tale che ciascuna iscritta si senta partecipe e protagonista della vita della nostra comunità a tutti i livelli di rappresentanza”.

Nei prossimi giorni sarà possibile, per le donne che lo desiderano, continuare ad aderire alla piattaforma nazionale e regionale si potrà continuare ad aderire alla piattaforma nazionale al link https://donnedem.it/ e a quella regionale, il cui link verrà costituito nelle prossime settimane.

Consiglio Regionale: esame di francese, certificazione B2

Un altro traguardo raggiunto per la scuola valdostana. Sappiamo e siamo consapevoli dell’importanza della lingua francese nella nostra regione, ma non solo.

Studenti e studentesse della Valle d’Aosta godono di un bilinguismo utile al proprio futuro accademico e lavorativo.

Quest’anno c’è però stata la svolta per i futuri diplomati, per la prima volta infatti nella nostra regione, la prova di francese sarà certificata come DELF B2 a livello internazionale e non avrà scadenza, grazie alla convenzione con il Ministero e gli enti accreditanti.

Si tratta di un risultato importante perché certifica una competenza di studenti e studentesse a livello internazionale e non più solo regionale.

L’attenzione alla realtà plurilingue della Valle d’Aosta è sempre più puntuale e attenta alle nuove generazioni. L’impegno dell’Assessore del PD, Jean-Pierre Guichardaz, è costante per il mondo della scuola dagli insegnanti agli alunni. Il bonus 500 e la prova di francese sono due elementi che hanno segnato importanti novità nella scuola valdostana.